lunedì 16 agosto 2010

It's all about now. Now, now, now.

Così disse Jeff Buckley. L'unico dio in cui credo. Sto in un periodo transitorio in cui so che voglio qualcosa, ma non so bene cosa. Il concerto dei Kings of Convenience mi ha cambiato la vita. Conoscere Erlend Oye mi ha cambiato la vita. Voglio vivere come loro, di sola musica. Voglio vivere facendo cose che amo.

Ma per ora, sto solo sopravvivendo. 

La grigia routine di lavoro studio- studio lavoro mi sta facendo evadere con la mente, talmente tanto che a volte mi perdo per ore a guardare nel vuoto pensando ad una bellissima realtà parallela in cui la mia vita non è così noiosa, ma piena e interessante. Questo mi capita anche quando sono in mezzo la gente, per questo alcuni credono che io sia "strana", o completamente fottùta. Ma non lo sono. 

In attesa di cambiare vita per almeno sei mesi. Altrove. Lontano da amici e parenti. Forse mi farà solo bene. 

Nessun commento:

Posta un commento