lunedì 7 novembre 2016

Book Review: Eureka Street

Giuro di essere molto ignorante sulla storia (e la frase potrebbe finire qui) dell’Irlanda, per cui prima di leggere questo libro sapevo dell'esistenza dell’IRA e forse basta. Anche leggere fiction può istruire, eccome.
L’ho imparato leggendo Eureka Street di Robert McLiam Wilson apprezzatissimo regalo di compleanno (thank you my dear R) che ho letto in pochi giorni. 

I protagonisti sono due ragazzi sulla trentina, Jake e Chuckie e la loro strampalata combriccola, nati e cresciuti a Belfast e la narrazione si svolge durante gli anni dei Troubles, quando protestanti e cattolici progettarono e attuarono alcuni terribili atti terroristici in cui a prenderci di mezzo furono sempre e solo poveri cittadini che si trovavano nel posto sbagliato nel momento sbagliatissimo.

Quello che emerge da questo romanzo attraverso le parole di Jake, è la concezione del fatto che in realtà quella violenza era scaturita solo perché, in sintesi, la gente fa schifo e non perché ci fosse una forte ideologia dietro ogni attacco. Jake, a cui è dedicata la parte narrata in prima persona, lo dice chiaro e forte: la pace non la vuole veramente nessuno, neanche se si raggiungesse l’obiettivo che i due partiti (cattolici e protestanti) si sono prestabiliti, perché la malvagità è intrinseca nell’essere umano.

Eureka Street non parla solo della situazione politica dei Troubles a Belfast ma parla anche di amore, amicizia, classe media, ricchezza, povertà. Uno dei capitoli più belli e devastanti è quello dove viene descritto nei minimi dettagli l’attentato di Fountain Street: all’inizio non capiamo perché stiamo seguendo quel determinato personaggio di cui non abbiamo mai sentito parlare prima. Poi, una volta che esplode la bomba, la descrizione si fa via via sempre più spietata e dettagliata, quasi fredda. Talmente oggettiva che fa venire i brividi.

Devo dire che, per quanto i protagonisti siano strampalati, sono a loro modo tutti adorabili ed effettivamente, una volta finito il libro, se ne sente la mancanza. Sono abbastanza curiosa di vedere l'adattamento TV prodotto dalla BBC, appena lo riesco a recuperare ne parlerò sicuramente.


Nessun commento:

Posta un commento