mercoledì 28 gennaio 2015

Film Review: Nightcrawler/ Lo sciacallo

Salve gente, sono qui per parlarvi di un film che a moltissimi è piaciuto e a me non tanto. Forse è proprio colpa di voi tutti blogosferomani, ne avete parlato così bene che le mie aspettative erano troppo alte. O forse è perchè ho guardato il trailer prima di vederlo e di solito non lo faccio. Non lo so. Non è che mi abbia fatto cagare, sia chiaro. Ma non mi è piaciuto proprio tanto. Mi è piaciuto un po'. Un 7/10, un "carino".

Va bene. Come avrete intuito dal titolo, sto parlando di Nightcrawler - Lo sciacallo con Jake Gyllenhaal. Ora, quando c'è Jake Gyllenhaal va sempre bene e infatti anche qui va bene perchè se devo dirvela tutta, mi sembra che il film si regga tutto sulle sue spalle, o meglio, sulla sua fantastica, estraniante, pazzesca interpretazione di un personaggio spregevole e assolutamente fuori come un balcone.

Quello che mi ha un po' lasciato la sensazione MEH è il fatto che, fondamentalmente, finisce di merda. E scusate il francesismo. Parte a ritmo piuttosto serrato per farci capire in che maniera il nostro protagonista Lou è diventato il pazzoide che ci viene mostrato, arriviamo fino al momento in cui la polizia s'intromette nella sua attività che ormai ha superato il limite della legalità, sembra che Lu sia finalmente nella cacca fino al collo e invece poi...boh, finisce così, con questo breve sguardo sulla florida attività della sua azienda ormai ben consolidata e ciao ciao. Ciao ciao polizia, ciao ciao. Non so, sarà che mi piacciono i finali senza speranza e pensavo che qui ci stesse bene e perciò un po' me l'aspettavo.

Il film è girato bene, memorabile la scena quando Lou si siede nella postazione tg con la Skyline di Los Angeles alle spalle; recitato da dio da un trasformatissimo Jake Gyllenhaal (e non bisogna sottovalutare anche l'interpretazione di Rene Russo); la storia è avvincente...però mi aspettavo un ulteriore sviluppo. Mentirei se dicessi che non mi ha coinvolto, specialmente quando Lou si introduce nella casa degli orrori, in cui si è appena perpetrato un omicidio molto crudele. Se non fossi stata sdraiata durante la visione, avrei potuto dire che mi ha tenuto on the edge of the seat. Ma poi ci poteva stare tranquillamente una scena in cui Lou, magari, veniva investito da un camion mentre si avvicinava con la sua telecamera alla scena di un crimine. No?



martedì 27 gennaio 2015

Film Review: Film della memoria

In questa importantissima giornata della memoria, in cui un sacco di gente sul web mi fa girare i coglioni col solito discorso "ma perchè ci rompono le palle con 'sti ebrei quando tanta gente muore sempre?", vorrei fare una breve lista dei miei film preferiti in memoria della Shoah. Molti di voi li avranno già visti, ma sono tutti bellissimi film sia dal punto di vista tecnico che di contenuto.

1. La rosa bianca - Sophie Scholl (di Marc Rothemund)



2. Il pianista (di Roman Polanski)



3. Schindler's List (di Steven Spielberg)



4. Ogni cosa è illuminata (di Liev Schreiber)



NEVER AGAIN! 

lunedì 12 gennaio 2015

Year Review: Il classificone del 2014

Ciao a tutti belli e brutti (siamo tutti bellissimi, dovrebbero abolire l'aggettivo brutto per le persone) sono qui oggi 12 Gennaio 2015 a farvi il classificone 2014 perchè se aspetto un altro po' arriva McFly.
Bando alle ciance, let's get started.

BEST MOVIE
Sono molto combattuta. Per cui metterò entrambi i miei vincitori, già commentati su questo blog: Alabama Monroe/ The Broken Circle Breakdown e Boyhood.



BEST ALBUM 
Anche qui ho due vincitori, sono un'eterna indecisa. Uno è The Classic di Joan As Police Woman, già commentato in precedenza sul blog; l'altro è Sheezus di Lily Allen, non commentato sul blog perchè in realtà l'ho preso in mano da poco. Me ne sono innamorata, Lily's sooooooo fucking back.



BEST SONG
Per quanto non mi piaccia ridurre un intero anno ad una sola canzone, vi dirò che per me la canzone evergreen del 2014 è West Coast di Lana del Rey. So on point.


BEST SERIES
Homeland stagione quattro, cazzo! Non so se sapete, ma sono ossessionata da Homeland e difenderò questa serie fino alla tomba. Per me non ha mai avuto alti e bassi, come quasi tutta la blogosfera dice. E' sempre fantasticamente fantastica e nonostante fossi scettica prima di iniziare quest'ultima stagione, mi sono dovuta ricredere.



BEST VIDEO
Deve per forza essere Hard Out Here di Lily Allen, è così esplicativo e la frase Forget your balls and grow a pair of tits è il mio nuovo motto.


Ciao belli! :D

lunedì 5 gennaio 2015

INTO THE WOODS...No, non il film!

Ciao a tutti! Finalmente ho un programma di editing video abbastanza serio (non ci voleva poi molto a superare Windows Movie Maker...) e ho iniziato a cazzeggiare alla grande! Spero vi piaccia e non vi annoi. Se vi piacciono i Beach House almeno vi godrete la canzone :)

Buon anno a tutti!