Cerca nel blog

venerdì 11 gennaio 2019

Series Review: Le mie serie tv preferite di sempre

Ogni tanto mi prende la voglia di fare delle liste. In questo post farò un elenco delle mie dieci serie tv preferite di sempre. Quelli che vedete qui inseriti, sono i telefilm (ricominciamo ad usare questo termine ormai in disuso) che non mi stufo mai di vedere e rivedere. E intendo MAI. Quindi, ci sono tanti altri telefilm che mi piacciono, vecchi e nuovi, ma questi avranno per sempre un posto speciale nel mio cuore.

Una mamma per amica
In assoluto sta al primo posto nel mio cuore. Solo Dio e il mio ragazzo sanno quante volte all'anno riguardo Gilmore Girls, ed è una cifra vergognosa, al limite dell'ossessione. Ma è più forte di me, amo questa serie, amo tutti i personaggi, protagonisti e secondari, amo la vicenda, amo Stars Hollow e anche il fatto che, a volte, si scatenano tragedie per un nonnulla. Per me, una delle poche serie tv davvero evergreen che non smetterà mai di farmi sognare.



Friends
Confesso di aver guardato Friends per la prima volta nella sua interezza forse due anni fa, o addirittura l'anno scorso. Ma l'avrò già riguardato un milione di volte da allora. E' in assoluto una delle serie più spassose di sempre e quello che mi piace in particolare, oltre ad avere alcune situazioni al limite dell'inverosimile, è che si tratta di una comicità poco volgare. Soprattutto Phoebe, diosantissimo, è troppo spassosa nella sua ingenuità e assoluta onestà senza filtri.



New Girl
Ecco invece un telefilm piuttosto recente che mi è entrato subito nel cuore. Giuro che a volte vorrei anche io essere come Jess, anche se nelle sue avventure è piuttosto sfigata nonostante ci metta sempre il cuore. Ogni tanto riguardo tutta la serie, altre volte riguardo solo le puntate della seconda stagione in cui Nick si decide a fare il grande passo. In ogni caso, sono un ensemble talmente strano e spassoso di persone che mi fanno letteralmente scompisciare dalle risate.



Lost
Partiamo col dire che ho visto Lost quando era uscita su RaiDue e bisognava aspettare una settimana intera per vedere le puntate nuove. Due puntate alla settimana, e io immancabilmente sul divano a guardarlo con ansia e curiosità. Da allora poi l'ho rivisto più e più volte perché è una serie che contiene di tutto: fantascienza, dramma, romance, thriller e comicità (per lo più grazie al personaggio di Hurley). Lost per sempre nel cuore, e non voglio sentire lamentele sul finale della serie! E' stato perfetto.



Malcolm in the middle
Questo è uno di quei telefilm che mio padre registrava e che guardavamo insieme la sera, nonostante a mia mamma non sia mai piaciuto. E' spassosissimo, irriverente e a tratti molto scorretto politically speaking. Ma ogni puntata è talmente assurda e ridicola che non gli si può resistere. Ecco, vorrei che lo rifacessero ogni tanto in tv o che lo acquisissero Netflix o Amazon per poterlo rivedere all'infinito! Bryan Cranston prima di diventare Walter White era già fuori come un balcone anche all'epoca di Malcolm!


The O.C.
Californiaaaaaaaaaaaa here we cooooooooooooooooooome! Che anno era quando è uscito The O.C.? Datemi un secondo che lo googlo. In Italia nel 2004, dice Wikipedia. Mi ricordo ancora di come fosse diventato uno di quei telefilm che tuuuuutti a scuola e nella cerchia di amiche guardavano e di come tutte (e dico tutte) fossimo innamorate di Seth Cohen. E' una serie evergreen ormai, con i suoi colpi di scena che neanche Beautiful, le tragedie, le morti improvvise ma anche la comicità con cui Seth e Summer erano capaci di contagiare tutti. Il manifesto dei primi anni Duemila. Ah, la nostalgia.



E.R.
Trovatemi una serie televisiva medica più bella di E.R. con le sue quindici stagioni. Non esiste. E' realistica, variegata, reale, cruda. Ha portato sullo schermo alcuni dei personaggi che si ricordano come se fossero stati nostri amici nella vita reale: il dottor Greene (piango ancora ripensando alla sua morte), il dottor Ross (all hail George Clooney), Kovac, l'infermiera Abby, il dottor Carter (vi ricordate tutta la trama incentrata su di lui ambientata in Darfur?), Pratt (mannaggia piango ancora ripensando alla fine che fa). E ricordatevi sempre della puntata della prima stagione che girò Quentin Tarantino, Maternità. Anche lui grande fan di E.R., medici in prima linea. L'unico telefilm medico bello, se chiedete a me.



Game of thrones
So che è una serie ancora in produzione (anche se il 2019 ne segnerà ahimè la fine) ma mi piace troppo. Specialmente le prime tre stagioni, mi fanno impazzire, le riguarderei in loop. I motivi sono tanti: è fantasy, è cruda, è recitata molto bene, pullula di fighi pazzeschi (Kit Harington, Richard Madden, Jason Momoa per nominarne alcuni) e ci sono tanti colpi di scena. E pensare che ho aspettato tantissimo per iniziare a guardarla. Ma poi ho recuperato in fretta. E lo so che la stagione settima è stata un po' frettolosa ma attendo con ansia di sapere come tutto finirà e sento già in lontananza le risate del panzone G.R.R. Martin che siede sopra il suo manoscritto che conclude la saga che mai pubblicherà.



Mozart in the jungle
A quanto pare hanno deciso di farla finire con la stagione quattro, uscita a febbraio di quest'anno (non l'ho presa molto bene, peggio di una delusione amorosa). Sono mooooolto triste per il fatto che non sia stata rinnovata ma posso sempre consolarmi guardandola e riguardandola un milione di volte. Hai-lai e Rodrigo per sempre nel cuore, non esiste coppia fittizia più bella di loro. E soprattutto non esiste un'altra serie con questo tipo di fascino, leggerezza, leggiadria, naturalezza, musicalità e nonchalance.



Desperate Housewives
Quanto è stata epica al momento della sua uscita, questa serie? Molto, ve lo dico io. Seguire le vicende, avventure e sventure (tante) delle desperate houswives residenti a Wisteria Lane è stato un rollercoaster di emozioni, risate e pianti. Assolutamente improbabile a tratti, ma in altri molto relatable, questa serie è entrata nella storia grazie alla varietà delle sue protagoniste: Gabrielle Solis (adoro), Brie VanDeCamp (la bitch repubblicana più tosta della storia), Linette Scavo (una donna con gli attributi), Susan Delfino (una sfigata pazzesca).


Sapete quello che dovete fare, ditemi le vostre scelte per le serie del cuore! <3

3 commenti:

  1. "Malcom in the middle" stracult della mia infanzia!
    "Game of thrones" invece mi diede fastidio il fatto che tutti conoscessero improvvisamente qualcosa che prima era 'solo mio', per via dei libri ^^'
    "Lost"... una ferita ancora aperta. Non proseguo per non litigare XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah bravo, seppelisci l'ascia di guerra 😊

      Elimina
  2. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina